Cronaca

Roma, “Trucco della foratura della ruota dell’auto”: derubato un turista

Sono ancora in corso, da parte degli agenti della Polizia di Stato del commissariato Borgo, diretto da Moreno Fernandez, le indagini volte ad individuare l’uomo che, insieme a A.O., nei giorni scorsi ha messo a segno un furto, di ingente valore, in piazza Adriana.

Vittima un turista che, con la sua famiglia a bordo di un auto, stava dirigendosi in via Crescenzio. L’uomo, ad un certo punto accorgendosi di aver forato la ruota dell’autovettura, in piazza Adriana, è stato costretto ad accostare e fermarsi.

Pochi minuti di distrazione sono costati cari al turista e alla sua famiglia. Mentre la vittima infatti veniva distratta da uno dei due malviventi, avvicinatisi a bordo di uno scooter, l’altro complice si appropriava di uno zaino poggiato sul sedile posteriore. La scusa quella di fornire aiuto per scaricare le valige e montare la ruota di scorta.

In poco tempo il turista si è accorto che lo zaino non era più nell’auto, ma purtroppo  l’uomo ed il suo complice  si erano già allontanati a bordo dello scooter.

Grazie alle immagini delle telecamere di videosorveglianza, gli agenti hanno potuto accertare che lo scooter a bordo del quale viaggiavano i due ladri, era stato noleggiato. Sono così iniziati servizi di osservazione presso l’agenzia dove lo scooter era stato noleggiato. Proprio lì i poliziotti sono riusciti a bloccare A.O.,32enne di origine algerina, il quale aveva ancora indosso gli indumenti del giorno della commissione del reato: un paio di jeans, con risvolti all’altezza delle ginocchia, scarpe da ginnastica grigio- azzurre , maglietta a maniche corte sempre grigia ed un paio di occhiali da sole marroni .

Perquisito lo scooter, gli agenti hanno rinvenuto e sequestrato 755 euro in contanti, un telefono cellulare  e diverse sim card.

L’uomo è stato sottoposto a Fermo perché gravemente indiziato del furto dello zaino commesso in concorso con un’ altra persona, per la quale proseguono le indagini.

Fonte: Questura di Roma 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *